Malacrjanza

Scritto da Redazione on . Postato in Gruppi musicali

malacrjanza01

“una mistura di stile e contaminazione che si serve del reggae per esprimere gli elementi della cultura afro-jamaicana e i caratteri del folklore napoletano, in una comparazione ideologica e sociale che risalta gli aspetti sovversivi e diventa “reggae-core”

I Malacrjanza nascono a settembre del 2007, da un’idea dei fratelli Rosario e Alessandro Spampanato, rispettivamente voce principale/percussioni e chitarra/voce di accompagnamento, i quali coinvolgono il bassista Vincenzo Barone Lumaga in un progetto basato su repertorio di brani inediti in cui si mischiano la chiara matrice reggae/ska con influenze blues, funky, rock e nu metal. Su tali sonorità si innestano liriche principalmente in dialetto napoletano, per rendere manifesta l’appartenenza culturale e geografica e soprattutto dare voce, con questo progetto, all’anima più scanzonata, ironica e solare dell’underground musicale, culturale e artistico partenopeo. Dopo un lungo periodo di ricerca di un drummer all’altezza di tali propositi di contaminazione musicale, nell’estate 2008 l’incontro con Peppe “Jamaica” De Crescenzo aggiunge il tassello mancante, e la band può iniziare ad affinare il proprio repertorio e maturare in sala e sul palco. Nell’arco di oltre un anno abbiamo fatto una discreta esperienza sia dei piccoli club di Napoli e provincia (quali il Boduoir, il Rock Cafè, Jambè Cafè, Antico Cellaio, Zelig Cafè) che partecipando ad importanti rassegne musicali estive in territorio campano e fuori dalla regione: vincitori della prima edizione della rassegna “Rockasoria”, finalisti al “Festival Ondapazza” di Toritto (BA) e del “Revolution Art Festival” di Grumo Nevano. Sempre nell’estate 2009, il gruppo ha fatto una apparizone come ospite sull’emittente televisiva locale TLA, eseguendo due brani originali: “Bomboclat Revolution” e “’O Criminàl’”, tratti dal suo CD autoprodotto.
Il repertorio della band è impreziosito, oltre che dal nutrito numero di composizioni originali, anche dalla reinterpretazione con sonorità che rimandano alla Giamaica di classici della musica rock come “Come Togheter” e “Hotel California”, il classico di Max Romeo “Chase the devil” e brani più recenti come “Moka” dei Linea 77. Anche questo riletto in chiave ironica e scanzonatata a ritmo di ska.

Sito: www.myspace.com/malacrjanza

malacrjanza08 malacrjanza07 malacrjanza06 malacrjanza05 malacrjanza04 malacrjanza03 malacrjanza02

Contatta la band

Il tuo nome *

La tua email *

Oggetto *

Il tuo messaggio *

* campi obbligatori

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia il tuo commento


Sei un'aspirante modella? Pubblica gratis il tuo book fotografico!

Sei un cantante? Suoni in una band musicale? Pubblica gratis la tua scheda!

Sei un deejay? Vuoi farti conoscere? Pubblica gratis la tua scheda!

Sei un attore, un fotografo o un artista? Pubblica gratis la tua scheda!